Aimc Basilicata

Vai ai contenuti

Menu principale:

Quale successo dell’educazione alla cittadinanza?

Le associazioni professionali, AIMC e UCIIM, in collaborazione con l’Ufficio nazionale per l’educazione, la scuola e l’università (UNESU) della Conferenza Episcopale Italiana hanno promosso il Seminario nazionale
Le competenze in materia di cittadinanza
5 aprile 2019
Roma, sala convegni della CEI
via Aurelia 468
In preparazione è avviata un’indagine con l’obiettivo di raccogliere informazioni sulla reale percezione da parte dei docenti del successo dell’educazione alla cittadinanza in termini di feedback comportamentale assunto nella vita quotidiana da parte delle nuove generazioni.
L'indagine viene svolta attraverso un questionario che può essere compilato online dai dirigenti e docenti di ogni ordine e grado di scuola.
I risultati saranno presentati nel corso del Seminario.
Per consentirlo è necessario che compilazione e invio on line del suddetto questionario avvengano entro il 25 marzo.
La compilazione rispetterà l’anonimato in base alle vigenti regole sulla privacy. Questo il link del questionario
Auspichiamo che anche la scuola di Basilicata, a iniziare dai soci AIMC, voglia contribuire alla buona riuscita dell’iniziativa.

__________________________________________________________________________________________________________________________________

Presentati gli atti del Convegno
per i 50 anni della scuola dell’infanzia.

Venerdì 15 febbraio presso la sala “A” del palazzo del Consiglio regionale è stata presentata la pubblicazione degli atti relativi al convegno “1968-2018: 50 anni di scuola dell’infanzia. Storia e futuro di un patrimonio comune” tenutosi a Potenza e Matera nella giornate del 3 e 4 ottobre 2018 per celebrare i 50 anni dell’istituzione della Scuola dell’infanzia statale
Con il coordinamento di Michele Pinto, i presidenti delle quattro Associazioni del FASE (AIM Basilicata, ANILS Basilicata, As.Pe.I Basilicata, CIDI Potenza) e il presidente del Consiglio regionale Santarsiero hanno ripercorso momenti nodali del Convegno, ripreso i punti di approdo e lanciato un messaggio alle istituzioni: la scuola dell’infanzia ha un ruolo decisivo nel sistema scolatico, è il punto di partenza ideale per attuare il sistema 0-6, è istituzione essenziale in un Paese dove 1.300.000 bambini sono in situazione di povertà e pochi leggono e praticano sport.
In prospettiva occorre introdurre o potenziare elementi innovativi come digitale, raccordo di continuità, lingue straniere, inclusione anche per i migranti.
Sono intervenuti la dott.ssa Debora Infante per l’USR di Basilicata e il sindaco Nicola Sabina per l’ANCI
Unanime il riconoscimento della qualità alta dell’offerta formativa della scuola dell’infanzia per la cultura pedagogica, metodologica-didattica, relazionale e di cura che ha sviluppato nel tempo.
Alcune copie del volume sono a disposizione delle sezioni AIMC della regione.

__________________________________________________________________________________________________________________________________

La risposta del FONADDS al Ministro Bussetti

La parole rivolte alla scuola del sud il 9 febbraio 2019 dal Ministro dell’Istruzione “Ci vuole più impegno, più lavoro e sacrificio al Sud per recuperare il gap con il Nord, non più fondi. Vi dovete impegnare forte, è questo che ci vuole” hanno suscitato non poche reazioni.
Fra le più pacate nel tono, ma ferme e decise nei contenuti, il comunicato del Forum delle Associazioni Professionali dei Docenti e dei Dirigenti (FONADDS), di cui l’AIMC fa parte.
Le Associazioni professionali della scuola, partendo dai principi costituzionali, ricordano al Ministro dell’Istruzione la stretta connessione fra le condizioni culturali ed economico-sociali dei territori e i risultati di apprendimento, e chiedono interventi concreti affinché a tutti gli studenti, in tutti i punti del nostro Paese, siano garantite le stesse opportunità.
“Onorevole Ministro, come Lei sa bene l’art.34 della nostra Costituzione garantisce a tutti i cittadini il diritto all’istruzione e affida alla Repubblica il dovere di rendere effettivo questo diritto. Perché questo sia realizzabile lo Stato, nell’art. 3, si assume il compito di rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana... La Repubblica e il suo Ministero in particolare devono assumersene concretamente l’impegno.
In nome di questi principi, onorevole Ministro, le chiediamo… (continua a leggere)

__________________________________________________________________________________________________________________________________

 
Educazione digitale: attualità e problematiche
corso online gratuito organizzato dalla CEI e dall’Università Cattolica.

Come la famiglia può affrontare l’educazione digitale? Quale ruolo svolge la comunità scolastica quando i media diventano parte integrante della vita quotidiana degli studenti? Quali sono le opportunità che la pastorale può assumere nella propria riflessione e azione?
A questi e ad altri interrogativi dà risposta il primo Mooc – Massive online open course “Educazione digitale”, promosso dalla Conferenza episcopale italiana e dall’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano: un corso in modalità e-learning aperto e gratuito, i cui contenuti sono fruibili per tutti coloro che desiderano accedervi. Il corso partirà lunedì 28 gennaio (dal 21 gennaio prenderà avvio una fase previa di socializzazione e conoscenza della piattaforma).
Iscrizioni ancora aperte.
Tutte le informazioni collegandosi a

__________________________________________________________________________________________________________________________________

L’istruzione nell’era digitale

Dopo l’iniziativa “Entriamo in rete” realizzata per 100 Piazze, la sezione di Lagonegro, nell’intento di contribuire a rafforzare la nuova alleanza tra scuola e famiglia auspicata tanto dal Miur quanto da Papa Francesco, continua la serie di incontri-dibattito. Il prossimo appuntamento

La scuola e l’innovazione tecnologica
Lagonegro, Parrocchia San Giuseppe
20 gennaio 2019 ore 16.30

Docenti, genitori e giovani si confronteranno su un tema cruciale: come cambia l’apprendimento nell’era dell’innovazione tecnologica.
I nuovi strumenti influiscono e come sulle modalità apprenditive dei bambini, ragazzi e giovani?
Più in generale: come influisce la tecnologia sulla vita dei ragazzi?
Se la tematica ti interessa, sarai il benvenuto. Il tuo contributo al dibattito sarà prezioso.

Scarica qui il manifesto-programma

__________________________________________________________________________________________________________________________________

 
Il maestro Commendatore
Onorificenza conferita al lucano Antonio La Cava

«Per l'impegno profuso, nel corso della sua vita, nella promozione del valore della cultura».
Maestro in pensione. Da 18 anni ha fatto della sua vita una missione in nome della cultura: portare libri ai bambini delle scuole elementari dei paesi più piccoli e isolati della Basilicata, dove spesso non ci sono biblioteche o librerie. Lo fa con un mezzo speciale: il Bibliomotocarro, un motocarro trasformato in una vera e propria biblioteca ambulante.
Queste le motivazioni che hanno spinto il presidente Sergio Mattarella a inserire il maestro lucano 73enne Antonio La Cava fra i 33 cittadini insigni dell’onorificenza di Commendatore al Merito della Repubblica italiana, 33 casi di impegno civile, dedizione al bene comune e testimonianza dei valori repubblicani in campi diversi: solidarietà, tutela dei minori, legalità, inclusione sociale, soccorso, cooperazione internazionale.
È bello, riempie di orgoglio e dà speranza sapere che nel cuore della Basilicata c’è un maestro in pensione che non ha mai smesso di insegnare… (continua a leggere)
 
Torna ai contenuti | Torna al menu