2020 Giugno - Aimc Basilicata

Vai ai contenuti

Menu principale:

2020 Giugno

Archivio > 2020
Policoro: premio “Scuola Digitale di Basilicata” al Fermi

Ha vinto l’inclusione. O meglio, ha vinto l’inclusione attraverso il digitale.
Sarà l’Istituto Fermi di Policoro a rappresentare la Basilicata al Premio Nazionale Scuola Digitale. La scuola di Policoro è infatti l’istituto di istruzione superiore che ha primeggiato nella sezione regionale del Premio, dopo aver vinto anche la fase provinciale.
Ha vinto, prima ancora che un progetto, una visione di scuola, che investe sul digitale come strumento e linguaggio specifico per l’inclusione.
Un investimento concreto in termini di personale e risorse, che ha visto (continua a leggere)
L’AIMC di Basilicata esprime vive congratulazioni ai ragazzi, alla dirigente Tarantino, alla prof. Minervini e a tutti i docenti coinvolti, non solo per il successo conseguito, ma soprattutto per la “visione” che caratterizza il progetto Incoding e per l’esempio di comunità professionale offerto a tutta la scuola lucana.
Auguri di cuore per la fase nazionale!

__________________________________________________________________________________________________________________________________

Linee guida per la riapertura della scuola a settembre
Senza linee e senza guida?

Con decreto del 26 giugno 2020, dopo un sofferto confronto con la Conferenza Stato-Regioni, il Ministero ha emanato le Linee guida per la riapertura della scuola a settembre. Il 14 settembre “si torna a scuola in presenza e in sicurezza” ha detto la ministra Azzolina in conferenza stampa di presentazione, ma si è subito sollevato un coro di critiche, a partire dai tempi: troppo vicino a settembre per consentire seri interventi sull’edilizia scolastica o di natura logistica sui territori. Le Linee ribadiscono che le classi, i docenti disciplinari, i piani di studio, gli strumenti di apprendimento non potranno più essere così come li abbiamo conosciuti, ma sembrano lasciare senza risposta questioni essenziali per avviare un cambiamento così radicale, come ad esempio l’organico, le competenze (poteri?) dei Dirigenti scolastici per assumere le decisioni organizzative necessarie a garantire lo svolgimento delle attività didattiche in presenza e in sicurezza, la governance delle scuole (le norme di riferimento per gli organi collegiali sono ancora i decreti delegati del 1974).
La critica più radicale viene da Luisa Ribolzi: la sua sensazione è che non ci siano né le linee, né la guida, sia per la mancanza di un chiaro quadro definitorio fondamentale per un effettivo esercizio di autonomia e sussidiarietà, sia perché tutto sembra ruotare intorno alla sicurezza, che è essenziale ma è una condizione, non un obiettivo didattico.
Resta dunque la domanda: come ripartire?
L’AIMC ha avanzato sue proposte a tempo debito (vedi Notes n.9/2000).
La ministra Azzolina, da parte sua, nella “lettera alla comunità scolastica per la riapertura delle scuole a settembre” si dice convinta di “poter davvero trasformare il dramma di questa crisi in una grande occasione di svolta”. È senza dubbio positivo, ma in tanti si stanno chiedendo qual è il progetto, dove sta la svolta, quale “vision” la regge, a quali condizioni il rientro a scuola può essere anche la ripartenza per una diversa percezione della scuola stessa da parte dell’opinione pubblica e soprattutto della politica.
Domande che per il momento, nel labirinto dei tanti “fili” aggrovigliati da dipanare, non sembrano trovare risposta.
In allegato

__________________________________________________________________________________________________________________________________

Vent’anni dopo….

Sono trascorsi vent’anni dalla promulgazione della Legge 62 sulla parità scolastica e ventuno, per l’esattezza, dal DPR 275 che regolamenta la realizzazione dell’autonomia riconosciuta alle istituzioni scolastiche con l’art. 21 della Bassanini. Dovevano essere i due pilastri che reggevano la scuola nuova, all’altezza dei tempi e delle richieste sociali.
A che punto siamo? Cosa è stato fatto? Cosa resta da fare? Cosa occorre eventualmente cambiare? E in tutto questo il Dirigente scolastico che ruolo/compito riveste?
L’occasione per fare il punto è offerta dal Co.Dir.E.S.(Coordinamento per una direzione educativa delle scuole), organismo composito di cui l’AIMC fa parte, con la presentazione web di un testo curato da Marco Campione ed Emanuele Contu sui vent’anni di scuole autonome.

Liberare la scuola
con autonomia e parità
venerdì 26 giugno 2020 ore 17
Coordinati da Enrico Lenzi, giornalista di Avvenire, ne discutono con i curatori: Luigi Berlinguer, “padre” della legge 62, il presidente nazionale AIMC Giuseppe Desideri e la presidente nazionale FIDAE Virginia Kaladich
Un’opportunità per tutti gli interessati di riprendere contatto con due elementi del sistema scolastico che saranno centrali alla ripresa delle attività a settembre: l’autonomia, che molti dicono incompiuta, ma puntualmente evocata dal Ministero ogni volta che si tratta di scaricare sulla scuola e sui suoi professionisti problemi che l’amministrazione centrale non riesce a gestire; la parità, messa in discussione da una sorta di sottovalutazione sociale delle scuole a gestione non statale oltre che dal rischio di scomparsa a settembre di molte scuole parificate per problemi di riduzione di alunni ed economici accentuati dalla pandemia.
Scarica qui la locandina, con le indicazioni per l’iscrizione

__________________________________________________________________________________________________________________________________

Ri-Cominciare bene 3.

Si chiude il ciclo dei seminari a distanza organizzati dal Coordinamento nazionale per le Politiche dell’Infanzia e della sua Scuola con il terzo appuntamento al quale parteciperà l’ispettore tecnico Giancarlo Cerini, presidente coordinatore della Commissione per il Sistema integrato di educazione
Si svolgerà
martedì 7 luglio 2020
dalle 10.00 alle 12.00

Come per i webinar precedenti, su richiesta sarà rilasciato attestato di partecipazione.
Scarica qui la locandina con le indicazioni per partecipare.

__________________________________________________________________________________________________________________________________


Ri-Cominciare bene 2.

Dopo il grande successo di partecipazione del primo, continuano i webinar di una iniziativa del Coordinamento nazionale per le Politiche dell’Infanzia e della sua Scuola.
Il prossimo appuntamento, che si avvarrà della partecipazione di Cinzia Mion, psicologa e formatrice, si svolgerà

lunedì 22 giugno 2020
dalle 15.00 alle 17.00

Su richiesta sarà rilasciato attestato di partecipazione.
Scarica qui la locandina con le indicazioni per partecipare al webinar.

__________________________________________________________________________________________________________________________________

Ri-Cominciare bene.

Nel seminario organizzato da FASE Basilicata per i 50 anni della scuola dell’infanzia (3-4 ottobre 2018) autentica inclusione di ogni bambina e bambino e realizzazione del sistema integrato 0-6 sono stati oggetto di particolare attenzione e di aspettative alte da parte di tutti i relatori.
Pare ora opportuno, anche tenendo conto della forzata “sospensione” causata da COVID-19 e in vista della ripresa, riannodare le fila del confronto e dell’approfondimento, approfittando di una iniziativa del Coordinamento nazionale per le Politiche dell’Infanzia e della sua Scuola: una serie di seminari formativi on line proprio per mettere a fuoco aspetti e problemi dell’inclusione nel sistema integrato 0-6.
Il primo appuntamento, con la partecipazione di Andrea Canevaro, pedagogista ed esperto di integrazione ed inclusione, sarà un
webinar
martedì 16 giugno 2020
dalle 15.30 alle 17.30

Su richiesta sarà rilasciato attestato di partecipazione.
Scarica qui la locandina con le indicazioni per partecipare al webinar.

__________________________________________________________________________________________________________________________________

 
Il Decreto Scuola è legge.

Il Decreto Scuola, che era stato approvato al Senato il 28 maggio scorso, dopo momenti di tensione e di bagare ha ricevuto il 6 giugno il via libera definitivo dalla Camera dei Deputati Diventa così legge che disciplina gli Esami di Stato conclusivi del I e del II ciclo di istruzione, la valutazione finale degli alunni, la conclusione dell’anno scolastico 2019/2020 e l’avvio del 2020/2021, le procedure concorsuali straordinarie per la Scuola secondaria di I e II grado.. “È un provvedimento nato in piena emergenza che consente di chiudere regolarmente l’anno scolastico in corso. Il testo è stato migliorato durante l'iter parlamentare grazie al lavoro responsabile della maggioranza di governo. Con l’obiettivo di mettere al centro gli studenti e garantire qualità dell'istruzione. Ora definiamo le linee guida per settembre, per riportare gli studenti a scuola, in presenza e in sicurezza”, commenta la Ministra Lucia Azzolina.
Di seguito la sintesi sulle novità del Decreto.
“Esami di Stato e valutazione finale degli alunni Il decreto contiene la cornice normativa per lo svolgimento degli Esami di Stato conclusivi del I e II ciclo e per la valutazione finale delle studentesse e degli studenti. A seguito dell’emergenza coronavirus…. Leggi tutto

__________________________________________________________________________________________________________________________________

 
Covid-19:quali effetti sul sistema scolastico?
Una ricerca condotta da Università e Aimc

Con e dopo la pandemia la scuola italiana non è e non sarà più la stessa di prima. Anche in questo campo l’esplosione del Covid-19 segna uno spartiacque.
Come la scuola sta affrontando le sfide poste dalla Didattica a Distanza?
Hai la possibilità di contribuire a formulare una risposta collaborando a un progetto di ricerca con la compilazione di un semplice questionario volto ad indagare il punto di vista dei docenti rispetto alle modalità, finalità, vantaggi e svantaggi della didattica a distanza promossa dal MIUR nel periodo di emergenza che stiamo vivendo, per individuare un sistema di formazione che, sebbene a distanza, preservi l’umanità di insegnanti ed alunni.
La lettera di presentazione del progetto a firma del Presidente nazionale AIMC lo mette bene a fuoco:
“Gentile docente, le proponiamo di partecipare a un progetto di ricerca a cura del Laboratorio di Pedagogia Sperimentale dell’Università degli Studi di Bari in collaborazione con l’AIMC… continua a leggere
Trovi qui il questionario da compilare.
Se non sei docente in servizio e non puoi partecipare direttamente, puoi collaborare contribuendo a diffonderlo.
Non sottovalutiamo l’opportunità di far sentire la voce della scuola di Basilicata.
 



Dalla DAD alla Comunicazione Educativa e didattica

I risultati della ricerca nazionale saranno presentati in un Webinar il 3 giugno alle ore 16,00
Scarica qui la locandina
Sul sito nazionale Aimc trovi la domanda per partecipare.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu