2017 Giugno - Aimc Basilicata

Vai ai contenuti

Menu principale:

2017 Giugno

Archivio > 2017

__________________________________________________________________________________________________________________________________

Simone Veil ci ha lasciato
Scompare una protagonista della storia europea

Pochi giorni prima del novantesimo compleanno si è spenta Simon Veil, una voce autorevole del comune cammino europeo nel lungo dopoguerra.
Proponiamo, come una sorta di testamento spirituale, le parole che scrisse nel 2005 in apertura a una nuova edizione de L’Album di Auschwitz:
“Mi rivolgo soprattutto alle giovani generazioni… Voi sarete i cittadini di domani con la responsabilità di respingere tutto ciò che potrebbe condurre verso nuovi ingranaggi di odio e di morte, verso il fallimento stesso dell’umanità. Il lavoro sulla memoria è al tempo stesso esigente e doloroso. Ma è necessario affinché si possa immaginare e costruire il nostro avvenire come cittadini di un’Europa riconciliata e più solidale”.
Gli eventi che stiamo vivendo, non ultimo il dramma che ha per scenario il Mediterraneo, le rendono di scottante attualità.
Una proposta alle scuole: fare della figura e delle vita di Simone Veil il punto ispiratore per impostare le attività del prossimo anno scolastico, ripercorrendone le tappe da Auschwitz alla presidenza del Parlamento europeo (dal 1979 al 1982 è il primo presidente eletto del Parlamento europeo), passando attraverso il dedicarsi come giudice ai diritti dei detenuti e alla condizione femminile, legando a temi di attualità come la costruzione del rispetto di sé, degli altri, dell’ambiente e delle regole, la cittadinanza responsabile, la cooperazione…
Potrebbe essere un modo concreto per non limitarsi ad una celebrazione rituale e onorare l’impegno di vivere la memoria come sfida continua alle condizioni del presente.
L’AIMC di Basilicata è disponibile a collaborare con le scuole che vorranno accogliere la proposta.

Simone Veil all'Onu nel 2007 per il Giorno della Memoria

__________________________________________________________________________________________________________________________________

 
Vitalizi: non possiamo tacere

C’è chi vorrebbe la scuola “neutra”, lontana dalla politica, e chi vorrebbe che i cattolici si limitassero a parlare di temi “eticamente sensibili”, ma fossero afoni sui temi sociali ed economici.
L’AIMC no.
Noi siamo convinti con don Milani che la scuola è luogo privilegiato di educazione alla cittadinanza attiva ed alla solidarietà insegnando, davanti ai problemi, che “sortirne insieme è la politica”.
Noi siamo convinti di dover essere, attraverso l’educazione, agenti di liberazione e costruttori di pace. E non ci può essere pace senza giustizia, senza equità sociale. Dobbiamo gridarlo forte di
di fronte a quanto deliberato dal Consiglio regionale di Basilicata il 27 giugno 2017 circa i vitalizi.
Lo facciamo con il documento “Non possiamo tacere” e invitiamo la popolazione lucana tutta a far sentire la propria voce.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu