2017 Febbraio - Aimc Basilicata

Vai ai contenuti

Menu principale:

2017 Febbraio

Archivio > 2017
Giorno del Ricordo 2017
L’importanza di conoscere per pacificare

Il 10 febbraio ricorre il Giorno del Ricordo, solennità civile nazionale italiana istituita con la legge 30 marzo 2004 n. 92 "al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale".
Un altro orrore della storia avvolto nel silenzio per oltre 50 anni, un silenzio che si è interrotto solo negli anni novanta.
Nel Giorno del ricordo 2017 il presidente Mattarella in un messaggio da Madrid ci ricorda che "L'Europa della pace, della democrazia, della libertà, del rispetto delle identità culturali, è stata la grande risposta agli orrori del Novecento, dei quali le foibe sono state una drammatica espressione" e invita a un rinnovato impegno, a 70 anni dal Trattato di pace di Parigi che mise fine alla tragica guerra scatenata dal nazifascismo, “per abbattere per sempre il fanatismo, padre della barbarie e della crudeltà che si nutrono dell'odio".
E' necessario conoscere, ricordare e far conoscere ai nostri bambini, ragazzi e giovani questi eventi e quelli che li hanno preceduti e forse generati nel periodo fascista, perché senza fare i conti con la storia non ci potrà mai essere reale pacificazione e collaborazione fra i popoli.

Nel 2014 Raiuno ha trasmesso il musical "Magazzino 18", scritto e interpretato da Simone Cristicchi, imperniato appunto sulle vicende istriane sul finire della seconda guerra mondiale.

__________________________________________________________________________________________________________________________________

Il metodo narrativo
Un seminario per conoscerlo o approfondirlo

Il valore pedagogico e didattico della narrazione, del raccontare e raccontarsi, è teoricamente da tempo noto, grazie anche a Duccio Demetrio, ma non abbastanza praticato, forse perché l’accompagnano ancora tanti interrogativi.
La narrazione autobiografica può essere considerata stimolo efficace in grado di attivare fenomeni cognitivi e processi metafunzionali?
Può diventare un metodo per praticare concretamente la centralità della persona e per promuovere nei ragazzi autonomia e responsabilità?
Se sì, come praticarlo nel normale curricolo di scuola?
L’AIMC offre un’occasione per cominciare a strutturare alcune risposte con il Seminario nazionale
Raccontare e raccontarsi
Il metodo narrativo come luogo di incontro autentico
18 e 19 febbraio 2017
Roma, Casa La Salle, via Aurelia 472
Il Seminario è il primo momento di un percorso formativo che potrà essere completato accedendo alla piattaforma e-learning dedicata.
Prendi visione del programma
 
Torna ai contenuti | Torna al menu